Integrare frammenti di sè...esperienze tra Akasha e lo sciamanesimo

Aggiornato il: apr 9

Una delle pratiche che fanno parte dello sciamanesimo, in particolare del viaggio sciamanico, è il famoso "recupero dei frammenti di anima". Cosa sono? Interiormente sono parti di noi stessi rimasti attaccati a memorie e "sciock" che non vogliamo lasciare andare, quindi è come se piccole parti di noi fossero simbolicamente staccate dall'integro e ci portassero ad agire di impulso dal loro dolore o ci facessero restare fermi a ristagnare invece che fluire.

Questa pratica del loro recupero va effettuata se si è esperti nel viaggio sciamanico, con le dovute protezioni, soprattutto se si sta operando per qualcun'altro e gli si devono riportare poi le immagini che gli permetteranno di visualizzare la propria integrazione e guarigione spirituale.

Personalmente ho trovato molto utile unire la tecnica base sciamanica con l'apertura dei registri, perchè mi facevo guidare dalla saggezza dell'energia akashica e proteggere dalla Sorgente Divina nel viaggio dentro me.

Questa tecnica mi ha dato moltissimo beneficio nel fluire avanti su cose che non pensavo neanche fossero miei blocchi.

Per affinarla e potenziarla ancora di più la sto studiando unendola alla tecnica del reiki per il recupero sciamanico dell'anima, che è molto utile secondo me se la si fonde con akasha, perchè parte dalla guida e protezione dell'energia dei 4 arcangeli Uriel, Raffaele, Michele e Gabriele.

Visualizzando le parti di me in frammentazione che tornavano (e a volte la cosa è molto simpatica perchè le devi pure convincere amorevolmente a lasciarsi guarire e rientrare nella tua unità e andare avanti), ho potuto iniziare a cambiare profondamente la mia prospettiva su alcune questioni della mia vita, ragionarle dalla Coscienza e non dalle ferite o dal dolore e ho avuto l'opportunità di vivere le stesse cose e ricordi dando una prospettiva più felice e quindi di vivere meglio il mio presente per avere una migliore attitudine al futuro.

In questo momento le indicazioni che trovo sui registri quotidianamente mi hanno permesso poi di giungere a recuperare la semplice pratica del mantra ho'oponopono, e quindi di lasciare che finalmente, una volta tolti i grandi blocchi (ma so ..lo so che le sfide arriveranno sempre), io mi permettessi di fluire affidandomi a una saggezza più grande.

Spero che questo articolo possa esservi stato utile e vi auguro una felicissima vita.




26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti